Cosa fare se....
Centri Antiveleni
Tossicologia per tutti
Veleni marini
Monossido di carbonio
Morso di vipera
Sigaretta Elettronica
Botulismo
Funghi velenosi
Veleni dell'estate
Tox News
Farmaci scaduti
Monete
Sigaretta elettronica: quali rischi ?

Il Ministero della Salute ha proibito la vendita delle sigarette elettroniche ai minori 18 anni. L’'ordinanza del Ministro della Salute entra in vigore il 23 aprile prossimo.

L’'Istituto Superiore di Sanità, a cui è stato chiesto un parere su rischi connessi all’'utilizzo delle sigarette elettroniche, in particolare sui minori, ha fornito le proprie valutazioni il 20 dicembre 2012, proponendo una metodologia per la valutazione della pericolosità che prevede l’'applicazione di un modello che misura l’'assorbimento di nicotina dalle diverse cartucce disponibili, considerando il ricorso alla sigaretta elettronica da parte di “fumatori” a moderata, media e forte intensità di utilizzo.

Si è evidenziato che, anche per i prodotti a bassa concentrazione, “la dose quotidiana accettabile di nicotina – come determinata dall’'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) – è superata anche solo con un uso moderato delle sigarette elettroniche. Tale evidenza è ancora più significativa negli adolescenti .Quindi non si possono escludere effetti dannosi per la salute”.

Inoltre rimane da stabilire se le ricariche contenenti nicotina o altre sostanze, possano ricadere nella definizione di “medicinale per funzione”, pur in assenza di una ’esplicita destinazione d'’uso in tal senso da parte del responsabile dell'’immissione in commercio.

Cosa dire di altre possibili sostanze che vengono inalate con la sigaretta elettronica ?

E’' possibile affermare che non sono disponibili evidenze scientifiche definitive. Un recente lavoro di Williams e coll (1) ha evidenziato che l’'aerosol emesso dalla sigaretta elettronica contiene particelle di dimensione superiori ad >1 μcontenenti stagno, argento, ferro, nickel, alluminio e silicati e nanoparticelle (< 100 nm)  di stagno, cromo e nickel. La concentrazione di 9 degli 11 elementi ritrovati è risultata uguale o superiore alle corrispondenti concentrazioni nel fumo di sigarette convenzionale.

Questi dati non sono sufficienti per quantificare i rischi  della sigaretta elettronica in confronto con quelli legati al fumo tradizionale. Sono senza dubbio sufficienti per affermare che sono necessari ulteriori studi per valutare il problema. Fortunatamente il nostro Istituto Superiore di Sanità è attivato in tal senso e presto fornirà indicazioni attendibili.

(1) Williams M, Villarreal A, Bozhilov K, Lin S, Talbot P (2013) Metal and Silicate Particles Including Nanoparticles Are Present in Electronic Cigarette Cartomizer Fluid and Aerosol. PLoS ONE 8(3): e57987. doi:10.1371/journal.pone.0057987



Site Map